Le tecnologie

DERMATOLOGIA:

Visite Tricologiche per la diagnosi e la cura di tutte le malattie dei capelli

Sistema di Dermoscopia Molemax

Efficace strumento per l’epiluminescenza utilizzato per lo studio e la mappatura dei nevi e dei tumori cutanei in genere per una diagnosi accurata di tali patologie, il monitoraggio nel tempo e la prevenzione del melanoma.

Videodermatoscopia in epiluminescenza digitale

Sistema di Dermoscopia MoleMax II

Efficace strumento per l’epiluminescenza utilizzato per lo studio e la mappatura dei nevi e dei tumori cutanei in genere per una diagnosi accurata di tali patologie, il monitoraggio nel tempo e la prevenzione del melanoma.

 

Fototerapia UVB a banda stretta

Sorgente Momocromatica ad Eccimeri Excilite-μ

Rappresenta l’evoluzione della fototerapia e permette di irradiare piccole superfici in tempi molto brevi (poche decine di secondi per lesione) senza interagire con la cute sana.
Questa nuova tecnologia usa una sorgente monocromatica ad eccimeri con lunghezze d’onda di 308 nm ed in poche settimane di trattamento è in grado di risolvere la sintomatologia per diversi mesi.
Non è necessaria alcuna preparazione al trattamento nè alcuna terapia farmacologica associata; il trattamento è quindi molto ben tollerato, non è assolutamente doloroso ed ha scarsissimo impatto sulla vita sociale e lavorativa.

Laser Chirurgia e Laser Terapia

Laser CO2 Frazionato SmartXide2

Il meccanismo d’azione del laser CO2 frazionato (o frattale) prevede che solo una porzione di cute venga colpita dal raggio di luce (le cosiddette zone micro termiche o MTZ), mentre la maggior parte dell’epidermide rimane inalterata; da queste isole di cute sana parte un processo di rigenerazione che permette una guarigione molto rapida, tipicamente della durata di 4 o 5 giorni.

In profondità, a livello dermico, il laser provoca un riarrangiamento delle fibre collagene ed un’attivazione dei fibroblasti, cioè delle cellule deputate alla formazione di nuovo collagene, acido ialuronico ed elastina.

Leggi di più

Le indicazioni comprendono:

  • rughe sottili
  • esiti di acne
  • macchie di vario tipo
  • melasma

Il trattamento può essere tranquillamente eseguito in ambulatorio e non richiede alcuna anestesia, fatto salvo l’uso di creme anestetiche da posizionare qualche minuto prima dell’applicazione.
Nel periodo postoperatorio si assiste ad un arrossamento che può anche essere molto marcato, della durata di circa 24 ore. In questo lasso di tempo è già iniziata la riepitelizzazione a partenza dalle zone di cute non colpite dal raggio luminoso.
Poiché la funzione di barriera della cute è preservata, non è necessario prescrivere alcuna terapia antibiotica dopo il trattamento.
Nei giorni successivi si assiste alla comparsa di una “pseudo-abbronzatura”, cioè di cute scura, che andrà incontro ad esfoliazione e sarà sostituita da cute nuova e sana.
In questi giorni, sebbene il trucco sia consentito, è consigliabile utilizzare abbondanti creme idratanti, dato che la pelle sarà molto secca. E’, invece, vietata l’esposizione al sole o alle lampade abbronzanti.
Il trattamento può essere ripetuto dopo 30-40 giorni, per migliorare il risultato. Si consiglia, però, di evitare i mesi estivi per evitare l’esposizione solare.
Il miglioramento delle condizioni del viso non si esaurisce in pochi giorni; la stimolazione effettuata sul derma causa delle modificazioni delle molecole fondamentali che si riveleranno nell’arco di alcuni mesi.
Le controindicazioni al trattamento con laser CO2 frazionale consistono in:

  • pazienti affetti da herpes virus (è necessaria appropriata terapia prima del trattamento)
  • stato di gravidanza o allattamento
  • pazienti con storia di lunga terapia cortisonica
  • dermatiti
  • malattie autoimmuni
  • malattie del collagene

Laser Chirurgia e Laser Terapia

Laser CO2: SmartXide Dot

Il meccanismo d’azione del laser CO2 frazionato (o frattale) prevede che solo una porzione di cute venga colpita dal raggio di luce (le cosiddette zone micro termiche o MTZ), mentre la maggior parte dell’epidermide rimane inalterata; da queste isole di cute sana parte un processo di rigenerazione che permette una guarigione molto rapida, tipicamente della durata di 4 o 5 giorni.

In profondità, a livello dermico, il laser provoca un riarrangiamento delle fibre collagene ed un’attivazione dei fibroblasti, cioè delle cellule deputate alla formazione di nuovo collagene, acido ialuronico ed elastina.

Leggi di più

Negli ultimi anni l’uso delle sorgenti laser è andato a ricoprire un ruolo sempre più importante in medicina. E’ stata soprattutto la maggiore conoscenza sull’interazione luce-tessuto che ha consentito di sfruttare al meglio la potenza e le potenzialità del laser in ambito medico. Il termine LASER è un acronimo in lingua inglese che sta per light amplification by stipule emission of radiation (amplificazione della luce per mezzo di una emissione stimolata di radiazioni). Dunque il laser è un’apparecchiatura che produce e amplifica la luce. Il meccanismo attraverso il quale l’apparecchiatura laser amplifica la luce può essere così brevemente riassunto: definito atomo la particella infinitamente piccola della materia costituito da un nucleo centrale,
intorno al quale ruotano, come pianeti intorno al sole, uno o più elettroni questo stesso può ricevere energia (elettrica, ottica od in altre forme) che viene trasferita direttamente all’elettrone. L’elettrone, però, tende naturalmente a ritornare allo stato iniziale cedendo l’energia inizialmente acquisita e parte di quest’energia viene restituita con l’emissione di fotoni (nome dato alla quantità o particella di energia luminosa dotata di una velocità di propagazione di 300.000 Km al secondo). Se si possiede un mezzo appropriato contenente un gran numero di atomi eccitati e la de-eccitazione avviene secondo le modalità sopra descritte, viene generato il raggio laser. In altre parolp il laser è un apparecchio che trasforma l’energia da altre forme in radiazione elettromagnetica (luce). In definitiva la luce del laser (fotoni) interagisce con la materia (tessuto cutaneo). Tale interazione dipende, oltre che dalle caratteristiche fisiche della radiazione elettromagnetica generata anche dalle proprietà ottiche della cute stessa. Quando il fascio laser incide sulla superficie di un tessuto una frazione di questo viene riflessa mentre la parte che rimane è trasmessa al tessuto e subisce processi di assorbimento e diffusione. Il fotone cessa di esistere e cede la sua energia a un atomo o ad una molecola della cute denominata cromoforo. Quest’ultimo può subire un processo fotochimico oppure dissipare l’energia sotto forma di calore o di re-emissione di luce. L’interazione, ora descritta, fra fotone e cromoforo, non è altro che l’interazione fra luce laser e tessuto cutaneo.

Il laser CO2 emette un raggio assorbito dai tessuti biologici indipendentemente dalla pigmentazione e dalla vascolarizzazione, poiché il target con cui interagisce è l’acqua. L’energia assorbita dalla cute viene trasformata in calore che porta in ebollizione l’acqua, in essa presente, che a sua volta passa dallo stato liquido a quello gassoso; si ha così l’esplosione delle cellule per la produzione di vapore nel loro interno. E’ uno strumento chirurgico dal potenziale elevato, in quanto in funzione del diametro del raggio si può ottenere una funzione di taglio (raggio focalizzato, diametro ridotto) o di vaporizzazione, con il diametro del raggio ampio (raggio defocalizzato).
Inoltre esso sigilla le terminazioni nervose di piccole dimensioni invece che lasciarle spezzate, come capita negli interventi effettuati con il bisturi di acciaio, con conseguente riduzione del dolore postoperatorio, determina sia la chiusura dei piccoli vasi sanguigni con conseguente riduzione del sanguinamento sia la chiusura dei vasi linfatici con riduzione dell’edema post-operatorio. I vantaggi che presenta, rispetto le tecniche tradizionali, sono:

  • maggiore precisione operativa;
  • assenza di contatto tra il manipolo e i tessuti cutanei;
  • maggiore rispetto dei tessuti circostanti la lesione;
  • possibilità di intervento su pazienti portatori di elettrostimolatori cardiaci;
  • scarso sanguinamento intra e post-operatorio;
  • riduzione dei tempi di guarigione;
  • migliore risultato estetico.

Il mese precedente al trattamento e nei due mesi successivi è assolutamente vietato sottoporsi a fototerapia (lampade abbronzanti, esposizione solare). E’ preferibile non assumere farmaci anti-infiammatori non steroidei (acido acetilsalicilico e derivati) almeno nei tre giorni precedenti e successivi al trattamento. In alcuni pazienti, soprattutto di pelle più scura (fototipo III-IV), è consigliabile un pre-trattamento di almeno due settimane con creme locali a effetto schiarente, che verrà poi proseguito nel periodo post-operatorio su indicazione del medico. Talora è necessario applicare uno spesso strato di anestetico topico in occlusiva nelle due ore precedenti il trattamento, per indurre una riduzione della dolorabilità. In alcuni casi, soprattutto se le aree da trattare sono vaste e se è necessario raggiungere una certa profondità con il raggio laser, è preferibile eseguire un’anestesia infiltrativa intradermica o sottocutanea. Per prevenire infezioni erpetiche cutanee o mucose (herpes simplex), si somministra un agente antivirale nei tre giorni prima dell’intervento fino ai sette giorni successivi, in particolare se l’area di trattamento coinvolge la cute del viso e se i pazienti hanno già avuto episodi erpetici pregressi. Durante la seduta è indispensabile indossare adeguati occhiali protettivi in quanto lo strato lacrimale che copre la cornea è in grado di assorbire prontamente un raggio CO2 vagante e causare un’ustione corneale immediata anche se transitoria; inoltre, al fine di evitare ustioni sulla cute il paziente non deve aver applicato in sede di trattamento o nelle aree vicine materiali infiammabili quali ad esempio preparati per capelli (gel, mousse, spray), profumi a base di alcol etc.
Infine, nei giorni successivi alla seduta di laserterapia, a scopo preventivo e profilattico, a seconda dell’estensione dell’area trattata, è necessario assumere antibiotici per via orale ed eseguire un’accurata pulizia della zona trattata con garze sterili imbevute di soluzione fisiologica, e successivamente applicare unguenti antibiotici, topici emollienti, fino a completa riepitelizzazione dell’area sottoposta al trattamento.
E’ indispensabile inoltre applicare per qualche mese schermanti solari nelle zone fotoesposte.
Indicazioni
Le indicazioni principali in campo dermatologico sono: lesioni precancerose cutanee e mucose, tumori cutanei benigni e maligni, verruche volgari e condilomi acuminati, nevi epidermici, tumori angiomatosi, rinofima, resurfacing e rejuvenation, cicatrici, tatuaggi.
Controindicazioni e/o complicanze
Controindicazioni legate in particolare al resurfacing sono le possibili anomalie della cicatrizzazione, con formazione di cicatrici ipertrofiche/cheloidi, collagenopatie, l’utilizzo di farmaci immunosoppressori e fotosensibilizzanti, sindrome da immunodeficienza acquisita, precedente radioterapia, precedente peeling al fenolo, cicatrici da ustione, malattie infettive (Epatite C, Herpes Simplex attivo), alterazioni della pigmentazione (vitiligine), psoriasi, malattie metaboliche (diabete, ipertensione problematica, malattie cardiovascolari/polmonari gravi).
Effetti collaterali frequenti sono essudazione, edema e bruciore precoci (entro tre giorni dall’intervento); più persistenti sono l’eritema, che può durare fino a sei mesi dopo l’intervento, il prurito e la comparsa di petecchie che risolvono spontaneamente. Le complicanze comprendono eventuali infezioni batteriche, virali e fungine che si manifestano con la comparsa di essudato giallastro, squamo-croste, pustole, vescicole o bolle; alterazioni della pigmentazione sia nel senso di iperpigmentazione, soprattutto nei soggetti con fototipo scuro, o ipopigmentazioni talora anche dopo un anno dal trattamento. Raramente esiti cicatriziali.
Da segnalare inoltre i lunghi tempi di riepitelizzazione, che sono compresi tra i 7 e i 14 giorni dopo l’intervento.

Laser Chirurgia e Laser Terapia

Micromanipolatore EASYSPOT HYBRID

Il Micromanipolatore Hybrid EasySpot è usato nella microchirurgia con laser CO2 accoppiato ad un microscopio chirurgico (in ORL) o ad un colposcopio (in Ginecologia).

Laser Chirurgia e Laser Terapia

Laser Luce Pulsata DYE SYNCHRO VASQ

Synchro FT permette di selezionare la lunghezza d’onda più efficace, definire la forma d’impulso e impostare lo spot size più adatto per ogni tipo di trattamento. La segmentazione dell’impulso è un’ulteriore garanzia di sicurezza. Sotto la guida puntuale del database, il medico può scegliere di scomporre la singola emissione fino a tre sottoimpulsi.

Questo riduce notevolmente il rischio di provocare arrossamenti, danni termici o effetti collaterali indesiderati sulla cute del paziente. Trattamenti su misura e risultati eccellenti: Synchro FT interviene con successo su ogni zona del viso e del corpo, sui fototipi più chiari e su quelli più scuri, su tutti i tipi di peli, su tipologie diverse di lesioni vascolari o pigmentate.

Venereologia

Colposcopio

La colposcopia è un esame che permette la visione ingrandita della cervice uterina, parte più esterna del collo dell’utero.
Mediante il colposcopio, strumento utilizzato per l’esame della superficie di rivestimento della vagina e del collo dell’utero, la visione viene ingrandita da 2 a 60 volte, consentendo al medico di rilevare anomalie, eventuali lesioni, alterazioni o neoplasie che potrebbero sfuggire a una visione a occhio nudo.

Leggi di più

Valuta la giunzione squamocolonnare attraverso l’immagine ingrandita della portio, dopo detersione con acido acetico e colorazione di Lugol, per mettere in evidenza zone iodo positive e iodo negative.
Nelle zone sospette, per una diagnosi sicura, può essere effettuata una biopsia.
L’esame colposcopico si può completare con l’acquisizione di immagini (foto, filmati) permanenti delle aree sospette evidenziate nel corso dell’esame.

Dermatologia Estetica

Laser CO2: SmartXide Dot

Il meccanismo d’azione del laser CO2 frazionato (o frattale) prevede che solo una porzione di cute venga colpita dal raggio di luce (le cosiddette zone micro termiche o MTZ), mentre la maggior parte dell’epidermide rimane inalterata; da queste isole di cute sana parte un processo di rigenerazione che permette una guarigione molto rapida, tipicamente della durata di 4 o 5 giorni.

In profondità, a livello dermico, il laser provoca un riarrangiamento delle fibre collagene ed un’attivazione dei fibroblasti, cioè delle cellule deputate alla formazione di nuovo collagene, acido ialuronico ed elastina.

Leggi di più

Negli ultimi anni l’uso delle sorgenti laser è andato a ricoprire un ruolo sempre più importante in medicina. E’ stata soprattutto la maggiore conoscenza sull’interazione luce-tessuto che ha consentito di sfruttare al meglio la potenza e le potenzialità del laser in ambito medico. Il termine LASER è un acronimo in lingua inglese che sta per light amplification by stipule emission of radiation (amplificazione della luce per mezzo di una emissione stimolata di radiazioni). Dunque il laser è un’apparecchiatura che produce e amplifica la luce. Il meccanismo attraverso il quale l’apparecchiatura laser amplifica la luce può essere così brevemente riassunto: definito atomo la particella infinitamente piccola della materia costituito da un nucleo centrale,
intorno al quale ruotano, come pianeti intorno al sole, uno o più elettroni questo stesso può ricevere energia (elettrica, ottica od in altre forme) che viene trasferita direttamente all’elettrone. L’elettrone, però, tende naturalmente a ritornare allo stato iniziale cedendo l’energia inizialmente acquisita e parte di quest’energia viene restituita con l’emissione di fotoni (nome dato alla quantità o particella di energia luminosa dotata di una velocità di propagazione di 300.000 Km al secondo). Se si possiede un mezzo appropriato contenente un gran numero di atomi eccitati e la de-eccitazione avviene secondo le modalità sopra descritte, viene generato il raggio laser. In altre parolp il laser è un apparecchio che trasforma l’energia da altre forme in radiazione elettromagnetica (luce). In definitiva la luce del laser (fotoni) interagisce con la materia (tessuto cutaneo). Tale interazione dipende, oltre che dalle caratteristiche fisiche della radiazione elettromagnetica generata anche dalle proprietà ottiche della cute stessa. Quando il fascio laser incide sulla superficie di un tessuto una frazione di questo viene riflessa mentre la parte che rimane è trasmessa al tessuto e subisce processi di assorbimento e diffusione. Il fotone cessa di esistere e cede la sua energia a un atomo o ad una molecola della cute denominata cromoforo. Quest’ultimo può subire un processo fotochimico oppure dissipare l’energia sotto forma di calore o di re-emissione di luce. L’interazione, ora descritta, fra fotone e cromoforo, non è altro che l’interazione fra luce laser e tessuto cutaneo.

Il laser CO2 emette un raggio assorbito dai tessuti biologici indipendentemente dalla pigmentazione e dalla vascolarizzazione, poiché il target con cui interagisce è l’acqua. L’energia assorbita dalla cute viene trasformata in calore che porta in ebollizione l’acqua, in essa presente, che a sua volta passa dallo stato liquido a quello gassoso; si ha così l’esplosione delle cellule per la produzione di vapore nel loro interno. E’ uno strumento chirurgico dal potenziale elevato, in quanto in funzione del diametro del raggio si può ottenere una funzione di taglio (raggio focalizzato, diametro ridotto) o di vaporizzazione, con il diametro del raggio ampio (raggio defocalizzato).
Inoltre esso sigilla le terminazioni nervose di piccole dimensioni invece che lasciarle spezzate, come capita negli interventi effettuati con il bisturi di acciaio, con conseguente riduzione del dolore postoperatorio, determina sia la chiusura dei piccoli vasi sanguigni con conseguente riduzione del sanguinamento sia la chiusura dei vasi linfatici con riduzione dell’edema post-operatorio. I vantaggi che presenta, rispetto le tecniche tradizionali, sono:

  • maggiore precisione operativa;
  • assenza di contatto tra il manipolo e i tessuti cutanei;
  • maggiore rispetto dei tessuti circostanti la lesione;
  • possibilità di intervento su pazienti portatori di elettrostimolatori cardiaci;
  • scarso sanguinamento intra e post-operatorio;
  • riduzione dei tempi di guarigione;
  • migliore risultato estetico.

Il mese precedente al trattamento e nei due mesi successivi è assolutamente vietato sottoporsi a fototerapia (lampade abbronzanti, esposizione solare). E’ preferibile non assumere farmaci anti-infiammatori non steroidei (acido acetilsalicilico e derivati) almeno nei tre giorni precedenti e successivi al trattamento. In alcuni pazienti, soprattutto di pelle più scura (fototipo III-IV), è consigliabile un pre-trattamento di almeno due settimane con creme locali a effetto schiarente, che verrà poi proseguito nel periodo post-operatorio su indicazione del medico. Talora è necessario applicare uno spesso strato di anestetico topico in occlusiva nelle due ore precedenti il trattamento, per indurre una riduzione della dolorabilità. In alcuni casi, soprattutto se le aree da trattare sono vaste e se è necessario raggiungere una certa profondità con il raggio laser, è preferibile eseguire un’anestesia infiltrativa intradermica o sottocutanea. Per prevenire infezioni erpetiche cutanee o mucose (herpes simplex), si somministra un agente antivirale nei tre giorni prima dell’intervento fino ai sette giorni successivi, in particolare se l’area di trattamento coinvolge la cute del viso e se i pazienti hanno già avuto episodi erpetici pregressi. Durante la seduta è indispensabile indossare adeguati occhiali protettivi in quanto lo strato lacrimale che copre la cornea è in grado di assorbire prontamente un raggio CO2 vagante e causare un’ustione corneale immediata anche se transitoria; inoltre, al fine di evitare ustioni sulla cute il paziente non deve aver applicato in sede di trattamento o nelle aree vicine materiali infiammabili quali ad esempio preparati per capelli (gel, mousse, spray), profumi a base di alcol etc.
Infine, nei giorni successivi alla seduta di laserterapia, a scopo preventivo e profilattico, a seconda dell’estensione dell’area trattata, è necessario assumere antibiotici per via orale ed eseguire un’accurata pulizia della zona trattata con garze sterili imbevute di soluzione fisiologica, e successivamente applicare unguenti antibiotici, topici emollienti, fino a completa riepitelizzazione dell’area sottoposta al trattamento.
E’ indispensabile inoltre applicare per qualche mese schermanti solari nelle zone fotoesposte.
Indicazioni
Le indicazioni principali in campo dermatologico sono: lesioni precancerose cutanee e mucose, tumori cutanei benigni e maligni, verruche volgari e condilomi acuminati, nevi epidermici, tumori angiomatosi, rinofima, resurfacing e rejuvenation, cicatrici, tatuaggi.
Controindicazioni e/o complicanze
Controindicazioni legate in particolare al resurfacing sono le possibili anomalie della cicatrizzazione, con formazione di cicatrici ipertrofiche/cheloidi, collagenopatie, l’utilizzo di farmaci immunosoppressori e fotosensibilizzanti, sindrome da immunodeficienza acquisita, precedente radioterapia, precedente peeling al fenolo, cicatrici da ustione, malattie infettive (Epatite C, Herpes Simplex attivo), alterazioni della pigmentazione (vitiligine), psoriasi, malattie metaboliche (diabete, ipertensione problematica, malattie cardiovascolari/polmonari gravi).
Effetti collaterali frequenti sono essudazione, edema e bruciore precoci (entro tre giorni dall’intervento); più persistenti sono l’eritema, che può durare fino a sei mesi dopo l’intervento, il prurito e la comparsa di petecchie che risolvono spontaneamente. Le complicanze comprendono eventuali infezioni batteriche, virali e fungine che si manifestano con la comparsa di essudato giallastro, squamo-croste, pustole, vescicole o bolle; alterazioni della pigmentazione sia nel senso di iperpigmentazione, soprattutto nei soggetti con fototipo scuro, o ipopigmentazioni talora anche dopo un anno dal trattamento. Raramente esiti cicatriziali.
Da segnalare inoltre i lunghi tempi di riepitelizzazione, che sono compresi tra i 7 e i 14 giorni dopo l’intervento.

Dermatologia Estetica

Laser CO2 Frazionato SmartXide2

Il meccanismo d’azione del laser CO2 frazionato (o frattale) prevede che solo una porzione di cute venga colpita dal raggio di luce (le cosiddette zone micro termiche o MTZ), mentre la maggior parte dell’epidermide rimane inalterata; da queste isole di cute sana parte un processo di rigenerazione che permette una guarigione molto rapida, tipicamente della durata di 4 o 5 giorni.

In profondità, a livello dermico, il laser provoca un riarrangiamento delle fibre collagene ed un’attivazione dei fibroblasti, cioè delle cellule deputate alla formazione di nuovo collagene, acido ialuronico ed elastina.

Leggi di più

Le indicazioni comprendono:

  • rughe sottili
  • esiti di acne
  • macchie di vario tipo
  • melasma

Il trattamento può essere tranquillamente eseguito in ambulatorio e non richiede alcuna anestesia, fatto salvo l’uso di creme anestetiche da posizionare qualche minuto prima dell’applicazione.
Nel periodo postoperatorio si assiste ad un arrossamento che può anche essere molto marcato, della durata di circa 24 ore. In questo lasso di tempo è già iniziata la riepitelizzazione a partenza dalle zone di cute non colpite dal raggio luminoso.
Poiché la funzione di barriera della cute è preservata, non è necessario prescrivere alcuna terapia antibiotica dopo il trattamento.
Nei giorni successivi si assiste alla comparsa di una “pseudo-abbronzatura”, cioè di cute scura, che andrà incontro ad esfoliazione e sarà sostituita da cute nuova e sana.
In questi giorni, sebbene il trucco sia consentito, è consigliabile utilizzare abbondanti creme idratanti, dato che la pelle sarà molto secca. E’, invece, vietata l’esposizione al sole o alle lampade abbronzanti.
Il trattamento può essere ripetuto dopo 30-40 giorni, per migliorare il risultato. Si consiglia, però, di evitare i mesi estivi per evitare l’esposizione solare.
Il miglioramento delle condizioni del viso non si esaurisce in pochi giorni; la stimolazione effettuata sul derma causa delle modificazioni delle molecole fondamentali che si riveleranno nell’arco di alcuni mesi.
Le controindicazioni al trattamento con laser CO2 frazionale consistono in:

  • pazienti affetti da herpes virus (è necessaria appropriata terapia prima del trattamento)
  • stato di gravidanza o allattamento
  • pazienti con storia di lunga terapia cortisonica
  • dermatiti
  • malattie autoimmuni
  • malattie del collagene

Dermatologia Estetica

Sistema per raffreddamento cutaneo a getto d’aria Raffreddamento Cunateno

Sistema di raffreddamento cutaneo. I trattamenti epilatori e vascolari laser e IPL richiedono raffreddamento della cute per limitare il danno alle strutture senza nessun contatto, garantendo cosi’ elevatissimi standard di igiene.

Dermatologia Estetica

Luce Pulsata: M22 Luminis Luce Pulsata IPL

Sistema versatile in grado di operare a differenti lughezze onda per la massima gamma di utilizzo.
Consente di trattare:

  • Lesioni vascolari del volto, corpo e arti come teleangectasie superficiali, cuperose e rosacea, eritrosi, poikilodermia.
  • Lesioni pigmentate come lentigo solari e melasma – trattamenti di fotoringiovanimento cutaneo del viso, collo e scollato e mani.
  • Epilazione.

Possiede uno spettro variabile da 515 a 1200 nm con fluenza da 10 a 40 J/cmq. Possiede un sistema di raffreddamento a contatto continuo.

Dermatologia Estetica

Laser Epilazione M22 Luminis Nd:YAG

Questo laser consente epilazione efficace soprattutto nei fototipi scuri.
Consente inoltre di trattare vene varicose e nelle lesioni vascolari profonde e superficiali.
Possiede uno spettro di 1064 nm con fluenza di energia pari a 35 J/cmq e lunghezza di impulso fino a 100 msec.

Dermatologia Estetica

Laser Diodo: LightSheer DUET

Questo laser rappresenta il laser di riferimento per i trattamenti epilatori.
Possiede uno spettro di 800 nm con fluenza di energia da 10 a 100 J/cmq e durata di impulso di 5-400 msec.
E’ dotato di un sistema di raffreddamento continuo di contatto.

Dermatologia Estetica

Laser a Pigmenti: Dermobeam 2000

Si tratta di un laser a coloranti utilizzato prevalentemente in dermatologia per la cura di particolari patologie vascolari quali chiazze a vino di porto, emangiomi, eritrosi, rosacea, telangectasie, angiomi stellari, poikilodermia e anche cicatrici ipertrofiche, smagliature e verruche.

Il laser colpisce selettivamente l’emoglobina contenuta all’inteno dei vasi che formano tale patologia risultando selettivo sulla malattia da trattare ma non sulla cute circostante.

Il laser in dotazione del centro è dotato di un particolare sistema di raffreddamento che permette all’operatore di utilizzare al meglio l’apparecchiatura riducendo al minimo la sensazione di dolore del paziente.

Dermatologia Estetica

Laser Rimozione Tatuaggi/Lesioni Pigmentate Duolite QS

Ilaser Q-switched emette impulsi di elevata energia per la rimozione dei tatuaggi mono e multicolore, di tipo professionale e non e delle lesioni pigmentate benigne.
Normalmente la sorgente è un cristallo di Alessandrite o Neodimio YAG. La modalità Q-switched identifica l’elevata potenza di picco emessa.
Il principio di funzionamento è quello della fototermolisi selettiva, grazie al quale il laser è in grado di frammentare bersagli come particelle colorate del tatuaggio localizzate sotto la pelle e cellule superficiali contenenti melanina. Le strutture adiacenti, inclusa la rete vascolare, rimangono inalterate.

Infatti, visto l’alto grado di selettività del trattamento, viene eliminato il danneggiamento non specifico del tessuto, riducendo al minimo o eliminando completamente gli eventuali sanguinamenti post-trattamento.