051 6360565 - 051 391884 info@centro-dermatologico.it

Infiltrazioni di acido ialuronico

L’acido ialuronico è una sostanza totalmente naturale che offre risultati estetici visibili e di lunga durata.
Il filler e’ composto da un gel cristallino e trasparente di acido ialuronico che trattiene acqua idratando e conferendo volume alla pelle. Dato che con il passare degli anni la nostra naturale produzione di acido ialuronico diminuisce, l’iniezione di filler ristabilisce il volume perso e migliora il vostro look.
Si usa per – definire i contorni del viso – attenuare le linee facciali – ottenere labbra più turgide.
I filler di acido ialuronico aggiungono volume alla pelle ma lasciano al vostro viso un aspetto naturale. Questi prodotti non sono permanenti e vengono riassorbiti con il tempo. Questo significa che potete scegliere se sottoporvi ad un altro trattamento per mantenere gli effetti.
I filler di acido ialuronico sono estremamente flessibili e grazie al fatto che il filler si degrada completamente nel tempo riassorbendosi completamente in 6-12 mesi, si puo’ sempre mantenere il controllo completo del proprio aspetto.
La durata di una seduta è di circa 15 minuti e non necessitano di test preliminari. La durata del filler varia da individuo a individuo e in base all’area trattata.

Cosa fare dopo un trattamento:

immediatamente dopo il trattamento puo’ verificarsi un leggero arrossamento, gonfiore, dolorabilità e sensazione di prurito nell’area trattata. Questo inconveniente è una normale conseguenza dell’iniezione ed e’ temporaneo e di solito scompare entro uno – due giorni. Se i disturbi persistono o si verificano altre reazioni rivolgersi presso il centro. Il gonfiore iniziale Dopo il trattamento alle labbra puo’ durare più a lungo. Alcuni pazienti manifestano gonfiore per circa una settimana e in questo periodo le labbra possono avere un aspetto asimmetrico. Cio significa che il risultato osservato subito dopo il trattamento non e’ il risultato finale. Evitare di toccare l’area trattata entro le 6 ore successive al trattamento. In seguito si puo’ applicare un maquillage leggero e lavare con acqua e sapone. Finche’ il gonfiore e il rossore iniziale non saranno scomparsi non esporre l’area trattata a fonti di calore intenso (solarium, bagni di sole) o al freddo intenso. Punture di ago contribuiscono a una nuova eruzione di questa malattia. Se si assume aspirina o farmaci analoghi tenere presente che questi medicamenti possono far aumentare l’ematoma e il sanguinamento nel punto di iniezione.

Quanto dura un trattamento:

I fillers di acido ialuronico hanno lunga durata ma non sono permanenti: avrete sempre la facolta’ di decidere se ripetere o meno il trattamento e la proceduta puo’ essere ripetuta quando volete. Molte persone decidono di sottoporsi al trattamento delle rughe 6-12 mesi dopo il trattamento iniziale mentre il trattamento delle labbra è ripetuto di solito dopo 6 mesi. Per ottenere una correzione ottimale puo’ rendersi necessario un ritocco dopo 2-4 settimane. Solitamente il ritocco richiede normalmente una quantità minore di prodotto.

L’acido ialuronico è un glicosaminoglicano presente nella matrice extracellulare del derma e in numerosi altri tessuti quali il corpo vitreo dell’occhio, le articolazioni, muscoli, il liquido sinoviale. E’ già presente nella cute fetale e si riduce progressivamente nell’adulto. Nel derma svolge funzioni di “impalcatura di sostegno” in quanto legandosi ad altre sostanze forma complessi macromolecolari che conferiscono compattezza alla cute e di idratazione in quanto ha elevata capacità di legare l’acqua. L’acido ialuronico usato per i filler, è di derivazione aviaria o batterica ed è immunologicamente inerte, atossico, biodegradabile e bioriassorbibile. Essendo una sostanza che va incontro a rapida degradazione, viene sottoposto a un processo di cross-linking che permette di migliorarne le proprietà viscoelastiche e la persistenza. Il meccanismo d’azione consiste in un riempimento volumetrico immediato dovuto alle proprietà viscoelastiche del prodotto e nella sintesi ex-novo di collagene per stimolazione dei fibroblasti. Non è necessario alcun test preliminare.
L’acido ialuronico è contenuto in siringhe preconfezionate già pronte all’uso e viene iniettato nel derma superficiale e medio. Talora si consiglia l’applicazione di una sostanza anestetica locale, da applicare un’ora prima sull’area prevista di trattamento. In alcuni casi viene eseguita un’anestesia loco-regionale con lidocaina in sedi particolarmente dolorose (ad esempio le labbra). Prima di procedere al trattamento è necessario eseguire una disinfezione accurata dell’area da trattare. Le procedure che si utilizzano sono quelle della “tunnellizzazione”, in cui l’ago viene inserito quasi parallelamente alla superficie cutanea e il prodotto viene iniettato in fase di ritiro. In alcune sedi viene eseguita la tecnica a “micropomfi”, in cui l’inclinazione dell’ago è quasi perpendicolare alla superficie cutanea, e vengono eseguite microiniezioni lungo tutta la zona da trattare. Talora un’altra tecnica che si utilizza è quella “cross-linked”, in cui l’ago è quasi parallelo alla superficie cutanea, in direzione verticale e orizzontale, in modo da costituire un reticolo. Dopo il trattamento viene applicata una pomata antibiotica locale e del ghiaccio per ridurre la formazione di ecchimosi. La durata è in relazione al tipo di acido ialuronico che viene utilizzato, e in alcuni casi può essere necessaria una seconda correzione dopo 15-20 giorni dall’impianto. La durata dell’acido ialuronico può oscillare dai 3 mesi a un anno. Ogni singola seduta ha una durata di 15-30 minuti e normalmente è possibile riprendere la propria attività lavorativa e sociale il giorno stesso del trattamento.

Indicazioni:
Correzione delle rughe superficiali e profonde e dei solchi cutanei
Aumento volumetrico delle labbra e degli zigomi
Correzione delle cicatrici depresse
Controindicazioni
Infezioni virali o batteriche in atto
Gravidanza
Eritema, bruciore, edema ed ecchimosi indotte dal trauma dell’iniezione, di solito risolutivi nel giro di 72 ore
Complicanze e/o effetti collaterali
Reazioni di ipersensibilità al prodotto che si manifesta con edema, eritema e talora noduli granulomatosi persistenti per alcuni mesi
Formazione di ascessi o cisti dolorose nel sito di iniezione con comparsa di noduli fluttuanti e drenanti verso l’esterno che necessitano di terapia antibiotica sistemica, steroidi intralesionali e talora svuotamento chirurgico. In tal caso possono permanere esiti cicatriziali
Necrosi della glabella per compressione vascolare da parte dell’impianto